Clipboard01

Covid record cluster

L’epidemia ha cambiato le nostre vite e gli eventi tendono a essere sempre più circoscritti. Vale anche per i record i velocità, come questo indoor di Porsche

“C’era una volta…” Anche un pezzo sui record di velocità potrebbe iniziare così in tempo di epidemia. C’erano una volta le piste degli aeroporti, i tracciati sportivi, le autostrade chiuse al traffico. Oggi invece diventano di attualità primati ottenuti in ambito ristretto, limitato; parodia degli spostamenti e dei contatti tra gli esseri umani.

Ma non è detto che un ambiente circoscritto implichi minori difficoltà, specie nel tentativo di battere un record. E’ il caso di Porsche, che con la sua Taycan Turbo S ha battuto il Guinness World Record di velocità indoor con 102,6 mph, 165 km/h circa, stabilito in precedenza nel 2013 da una Ford Fiesta da rally a 87 mph, quasi 140 km/h.

Le regole di esecuzione sono infatti impegnative: l’auto deve partire da fermo e accelerare in linea retta all’interno dell’edifico, per poi fermarsi sempre al suo interno. Nessuna via di fuga o porta aperta, il record viene effettuato a rischio del pilota, che se sbaglia tempi e spazi potrebbe schiantarsi contro le parete esterne o, in questo caso, le incombenti colonne ai lati della pista improvvisata.
Ovvio che occorra un edifico abbastanza grande, nella fattispecie l’Ernest N. Morial Convention Center di New Orleans, Louisiana, con una superficie praticabile di oltre 1 milione di piedi quadrati, pari a 92.902 m2. Leh Keen , il pilota, ha effettuato solo un paio di prove sulla scivolosa pavimentazione in cemento verniciato del Convention Center, prima di fare sul serio.

Poi ha inserito il launch control della Taycan che porta a 750 CV la potenza massima disponibile ed è partito accelerando e poi frenando entro i limiti fisici dell’edificio. Unica precuzione, l’uso di coperture riscaldanti in stile F1 per garantire il massimo grip agli pneumatici di serie della vettura.
Conto alla rovescia e via, su quella sorta di corsia delimitata dalle colonnette, così vicine e inquietanti.
Ci vuole fegato? Beh a guardare il tutto distrattamente parrebbe di no, ma date un’occhiata al video e mi direte.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Estrema Cupra

Manca poco alla prima gara della Extreme E Racing Series, il nuovo campionato dedicato alle auto elettriche fuoristrada che si svolgerà in 5 località di

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli