The Jeep® Wrangler Magneto concept is a fully capable BEV that is stealthy, quiet, quick and an unmistakable rock-climbing force. Jeep brand engineers and designers have created a zero-emission vehicle with Jeep 4x4 capability that provides new levels of efficiency, environmental responsibility, and performance on- and off-road.

Magneto force

Dissimulata in mezzo ad altre concept, ecco Magneto, prima Jeep completamente elettrica realizzata su una scocca Rubicon.

Non sarà prodotta così come la vediamo oggi, si tratta solo di un prototipo da mostrare all’annuale Jeep Safari, che si svolgerà dal 27 marzo al 4 aprile a Moab, Utah, Usa.
Il propulsore a benzina è stato sostituito da un motore elettrico a flusso assiale, che con ogni probabilità appartiene alla filiera di quel Magnax impiegato da Alfa Romeo, un prodotto che unisce elevata potenza e peso molto contenuto (solo 16kg nell’installazione del Biscione). In questa versione la potenza è di 289 CV con coppia massima di 370 Nm gli stessi valori del V6 da 3,6 litri adottato dalla Wrangler. Nello specifico, però, il motore elettrico è accoppiato a un cambio manuale a 6 marce e non connesso direttamente ai differenziali, soluzione che suona un po’ posticcia e che potrebbe provare una certa fretta di presenziare per tempo al Jeep Safari.

Fatto salvo quanto detto sopra, secondo il responsabile del design Mark Allen le marce danno un maggiore controllo nell’erogazione di coppia, fattore che in off road occorre gestire con attenzione con un propulsore che, come tipico delle unità elettriche, la fornisce istantaneamente.
Proprio per evitare questo problema la Magneto non eroga quindi il 100% della coppia da fermo, ma l’unità motrice è studiata invece per erogarla con una curva piatta e costante sull’arco dei regimi sfruttabili.

L’accumulatore è costituito da 4 batterie al litio raffreddate ad aria della Webasto per totali 70 kWh, collocate uno anteriormente, un altra nel vano di carico posteriore e due all’interno di ciascuna guida del telaio.
Il sistema lavora a 800 volt e può essere ricaricato con colonnine rapide a corrente alternata, ma non supporta l’uso di quelle ad alta intensità e a corrente continua; la dotazione prevede inoltre due batterie da 12 volt per i sistemi ausiliari e il verricello. La Magneto copre lo 0-60 mph (96 km/h) in 6,8 s, nessun dato riguardo velocità massima e autonomia, però.

Jeep prevede di andare avanti con il progetto e svilupparlo nel corso dei prossimi tre anni.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

La prossima R di VW

La svolta elettrica del marchio tedesco non lascerà indietro i modelli sportivi: la concept ID.X potrebbe sostituire la Golf R. Ralph Brandstätter, ad di VW,

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli