apre

Colpo di stile

Jeep presenta oggi l’ultima evoluzione della Compass. Design più curato, dotazione accresciuta e immancabile versione Plug-in Hybrid


Oggi per la Nuova Compass è il grande giorno. Viene infatti presentata in queste ore, l’ultima nata di casa Jeep, primo SUV lanciato in Europa dal gruppo Stellantis.

L’ultima nata è naturalmente un’evoluzione della precedente nel linguaggio stilistico ora più moderno ed elegante, cui si abbinano alcune novità che la portano a un livello ancora superiore in termini di sicurezza, tecnologia e funzionalità.

Senza rinnegare il Dna del marchio Jeep, l’ultima Compass offre uno stile più originale, una dinamica di guida ancora più consona ad un Suv e una tecnologia più raffinata nei campi della sicurezza e della connettività.

Con la prima generazione del 2017 della Compass, Jeep è entrata nel segmento dei C-SUV, così come è stata la prima Jeep concepita per essere un modello globale.

Stesse caratteristiche riscontrabili nella nuova, equipaggiata con un gamma di efficienti motorizzazioni termiche ed ibride plug-in tutte omologate Euro 6D Final, e un’offerta di sistemi di sicurezza attiva e passiva che migliorano la guida.

A ciò si aggiunga l’introduzione del nuovo motore turbo benzina quattro cilindri da 1,3 litri GSE progettato per offrire buone prestazioni, con una riduzione dei consumi e delle emissioni di CO2 fino al 27% (ciclo WLTP) rispetto al benzina precedente. Ormai immancabile anche il debutto della plug-in hybrid per una guida 100% elettrica a zero emissioni.

All’interno spicca il quadro strumenti digitale full HD da 10.25”, la radio DAB, il sistema Uconnect 5 con touchscreen da 8,4 fino a 10,1” al centro della plancia in posizione alta, sistema operativo Android con integrazione wireless per smartphone Apple CarPlay e Android Auto, navigatore TomTom interattivo con visualizzazione 3D.

L’abitacolo è ancora più funzionale grazie a una diversa organizzazione dello spazio della console centrale e un incremento dei vani portaoggetti di circa tre volte, pari a ben 7,2 litri. Per il resto ci sono nuovo tunnel centrale, nuovo volante, nuovi rivestimenti dei pannelli porta fino alle nuove finiture e materiali interni.

Questa Compass è inoltre la prima Jeep in Europa a raggiungere il livello 2 (L2) di guida autonoma ed è dotata di ADAS di ultima generazione che offrono, di serie su tutta la gamma: il Traffic Sign Recognition, che legge e interpreta i cartelli stradali; l’Intelligent Speed Assist, che mantiene automaticamente il veicolo entro i limiti di velocità; il Drowsy Driver Alert, che avverte di eventuali “cali di palpebra” del guidatore e l’Automatic Emergency Braking con riconoscimento Pedoni e Ciclisti, che rallenta il veicolo fino all’arresto per evitare (o mitigare) possibili incidenti. Ma la novità più importante è l’Highway Assist, che combina Adaptive Cruise Control e Lane Centering, regolando automaticamente velocità e traiettoria. In questo modo, l’auto si mantiene da sola al centro della corsia e a distanza dal veicolo che la precede.

Gli allestimenti sono quattro (Longitude, Limited, S e Trailhawk), cinque diverse combinazioni di gruppi motopropulsori – benzina, diesel e ibrido plug-in, tre cambi (manuale a sei velocità, automatico a doppia frizione DDCT o automatico a sei marce) – e trazione anteriore o integrale. I benzina prevedono il GSE da 1,3 litri, 130 e 150 CV di potenza in abbinamento rispettivamente al cambio manuale a sei marce e al cambio a doppia frizione DDCT, entrambi con trazione anteriore. A completare l’offerta il diesel da 1,6 litri e 130 CV di potenza abbinato alla trasmissione manuale a sei velocità e trazione anteriore. La gamma plug-in hybrid offre invece due livelli di potenza – da 190 e 240 CV, cambio automatico a sei velocità e trazione integrale eAWD.

Il listino prezzi in Italia parte da 29.850 euro per le 1.3 benzina da 130 CV in allestimento Longitude, fino a raggiungere il top di gamma con le Trailhawk ed S 4xe con motorizzazione plug-in hybrid a 49.200 euro.

Da segnalare infine che Mopar ha sviluppato nuovi accessori specifici per arricchire le funzionalità del veicolo e soprattutto permettendo una maggior personalizzazione.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Le due facce della medaglia

Da un lato il salone di Monaco, celebrazione in pectore della transizione dell’automobile verso l’elettrodomestico, dall’altro l’inossidabile Morgan, che va avanti con una nuova edizione

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli