Cattura

Ami sbarca negli States?

Tramite la compagnia di noleggio Free2Move, il piccolo quadriciclo urbano francese potrebbe fare il suo ingresso sul mercato Usa.

E’ risaputo che uno dei motivi che ha spinto il gruppo PSA ad acquistare FCA è stata l’intenzione di tornare sul mercato americano anche con i prodotti francesi per allargare il business globale. Logico però, viste le abitudini yankee, pensare ad auto di una certa dimensione; i rumors che Stellantis avrebbe intenzione di riportare il marchio Citroen negli States testando il mercato con la Ami, un quadriciclo leggero, fanno quindi “rumore”.
Free2Move ha infatti pubblicato la silhouette di una Ami con un testo che parlava della sua possibilità di debutto a Washington, D.C, un ambito ridotto e tipicamente uso al traffico amministrativo, quindi.

Le caratteristiche della Ami sono note: motore da 6 kW, batterie da 5,5 kWh per un range operativo di 70 km e ricarica in sole 3 ore da una normale presa casalinga. Abitacolo minimalista a due porte e due posti, niente fronzoli ma anche poco posto a bordo, specie per individui oversize che hanno l’abitudine di portarsi dietro mezza casa, per molti versi uno degli identikit massivi degli americani.
E’ possibile dunque che Ami faccia il botto Oltreoceano? Mah sinceramente ne dubito. E non tanto per le dimensioni della vetturetta, quanto per le sue scarse doti dinamiche. Gli yankee usano molto le auto e ci fanno molta, moltissima strada, viste anche le grandi distanze tipiche del Paese. L’autonomia è dunque centrale e le 50 miglia di default sono davvero poche, anche se la ricarica è facile (ma non veloce). Il fatto poi che i limiti siano stringenti fa il paio con spostamenti contingentati ma omogenei, a velocità tra gli 80 e i 120 orari, tutti in fila. Le strade sono uguali per tutti, non ce ne sono di secondarie adatte alla Ami.

Quindi no, non credo che Ami avrà successo, se non in ambiti ridotti come le fiere e per la mobilità interna a quartieri isolati dal traffico esterno.
Ma c’è sempre la wild card della moda, che potrebbe far attecchire la voiturette perché guidare una Ami fa così odd. Lo scopriremo presto.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Equilibrismo sul filo

Dalle case costruttrici arrivano messaggi sempre più contraddittori, indice dell’incertezza causata dalle nomative caotiche e talebane della UE. Mica facile tenere la barra diritta di

Leggi Tutto »

Dimmi come suoni

Le auto elettriche mancano della componente emozionale del suono del motore. Le Case corrono ai ripari con l’aiuto di compositori. Il suono prodotto da un

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli