kjcnkjvnkdjf

I pentiti della batteria

Uno studio americano mostra come una percentuale non risibile di possessori di plug-in ed elettriche abbandoni definitivamente la tecnologia.

La notizia è che in California ci sono dei pentiti. Pentiti verdi, li definirei, poiché si tratta di acquirenti di auto parzialmente o completamente a trazione elettrica che tornano sui loro passi e al successivo acquisto si orientano verso prodotti più tradizionali con motore a combustione.
Il 20% dei proprietari di PHEV, gli ibridi, dello stato tradizionalmente più avanti negli States per le politiche verdi, è tornato infatti ai veicoli a benzina, così come il 18% dei possessori di veicoli elettrici a batteria, i BEV.

Lo studio, pubblicato su Nature Energy il 26 aprile dall’Institute of Transportation Studies presso l’Università della California, ha rilevato che gli acquirenti di PHEV in California stanno abbandonando la tecnologia a un tasso del 20%. Secondo i ricercatori, l’insoddisfazione per le difficoltà di ricarica e la carenza di centraline domestiche a 240 volt, la carica rapida casalinga in Usa, sono le ragioni principali. Il progetto è partito con tutt’altra ambizione, visto che è stato finanziato dal National Center for Sustainable Transportation (NCST), sostenuto dal Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti e pagato dal California Air Resources Board (CARB), l’agenzia che controlla le emissioni nello stato pacifico.

I ricercatori sono partiti da una premessa: per considerare un successo la nuova mobilità elettrica occorre che gli acquirenti di primo impatto riacquistino auto con la stessa propulsione; l’abbandono della tecnologia impedirebbe infatti ai veicoli elettrici di raggiungere in futuro l’auspicata quota di mercato del 100%. Hanno esaminato metodicamente le famiglie californiane che avevano acquistato i veicoli tra il 2012 e il 2018 riscontrando una discreta percentuale che si è dichiarata propensa a tornare ai veicoli tradizionali.
Il problema cardine è quello della ricarica, quella domestica in particolare, poiché senza tale possibilità tutti i vantaggi di possedere di un veicolo elettrico svaniscono. Anche perché la mancanza di caricatori pubblici veloci è avvertibile e crescente al crescere della quota di possessori di auto elettriche in circolazione. Per ora il CARB tace, con le pive nel sacco, ma se la situazione californiana è questa, immaginate come sia in stati meno sensibili all’ambiente tipo il Texas.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Le due facce della medaglia

Da un lato il salone di Monaco, celebrazione in pectore della transizione dell’automobile verso l’elettrodomestico, dall’altro l’inossidabile Morgan, che va avanti con una nuova edizione

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli