klmdklfmdklfbmlkòdfm,

Detto e fatto

Tesla trasloca dalla California al Texas. Dopo le ordinanze di chiusura della sede di Fremont che avevano generato una battaglia legale, il marchio sposta la sua sede nello stato dei petrolieri.

“Questa è l’ultima goccia. Tesla ora trasferirà immediatamente il suo quartier generale”. Questo il tono del tweet di Elon Musk nel maggio del 2020,dopo i contrasti legati alle ordinanze della contea di Alameda. Una battaglia che ancora prosegue a suon di commenti velenosi e tweet di biasimo di molti funzionari californiani, anche se il tycoon ha trovato nuovi alleati nello stato. Ma la rissa in corso ha attirato le attenzioni del Texas, che ha iniziato a parlare di affari.


Tesla aveva già reso noto il suo interesse a costruire una struttura lì e prontamente l’ufficio del governatore ha iniziato a offrire agevolazioni fiscali e meno vincoli regolamentari di quanto sia consentito in California. Ora si vedono i frutti dei colloqui: Elon Musk, ha annunciato ufficialmente che la sua azienda cambierà sede questa settimana. Da Palo Alto, nella Silicon Valley della California, la Casa stabilisce una nuova base operativa ad Austin, Texas.
Non si tratta però del taglio netto annunciato a suo tempo, la società continuerà infatti a operare nello stato pacifico attraverso lo stabilimento di Freemont, che attualmente produce Model S, Model 3, Model X e Model Y e del quale spera di espandere la capacità produttiva del 50 percento. Lo stesso intento per la Gigafactory in Nevada.

Al di là delle sparate, quindi, la situazione fiscale e normativa gioca un ruolo assai più importante di quanto il nostro voglia ammettere. All’azienda può non piacere la politica californiana, ma lì vende comunque la maggior parte suo prodotto e commercialmente parlando ci sono poche ragioni per tagliare i ponti quando poi ci si rimette.

“Continueremo ad espandere le nostre attività in California”, ha detto quindi Musk agli investitori giovedì, “Non si tratta di Tesla che lascia la California”. Vero, perché è stato recentemente avviato un nuovo stabilimento con sede a Lathrop, California, che dovrà realizzare i nuovi Megapack, grimaldello per accedere al promettente mercato dello stoccaggio di energia. Riassumendo: sede in Texas, portafoglio in California; non dimentichiamoci che Musk è diventato miliardario con PayPal.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Negare l’evidenza

Corrono le voci sull’aumento delle accise sul gasolio. Per ridurre l’impatto sulla CO2, dicono. Un assurdo tecnico ed economico, ma sappiamo come vanno le cose

Leggi Tutto »

Principio di realtà

Nei sogni spakkano e sono virtuose per l’ambiente, con costi d’esercizio risibili e potenze da F1. Ma nel mondo reale i problemi connessi all’uso delle

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli